• 15/01 @ 20:54, A Trump e ai Repubblicani conviene trovare un terreno comune, la piattaforma c’è già: riforma elettorale e dei Soci… https://t.co/Nro1APQllH
  • 15/01 @ 20:53, Per gli iraniani sarebbe stato meglio Trump: le parole di Faezeh Hashemi, figlia di Rafsanjani, scuotono Teheran https://t.co/fLjBySPpuU
  • 15/01 @ 17:57, Elezioni, subito. Si può, si deve: irresponsabili sono coloro che preparano ulteriori forzature, di Federico Punzi https://t.co/JfvhDrMcDL
  • 15/01 @ 14:03, Khamenei nega agli iraniani i vaccini occidentali: la narrazione del regime anteposta alla salute dei cittadini https://t.co/BvKEavBdbu
  • 15/01 @ 14:02, Trump-Aiace e l’errore di reagire con “hybris” alle ingiustizie, di Fabrizio Borasi https://t.co/gZVBNxYlxl
  • 15/01 @ 14:01, La crisi interna a Washington indebolisce gli Usa davanti alla vera minaccia: la Cina, di Michele Marsonet https://t.co/zYvqiHVW6Y

Articoli

Avatar
di Daniele Meloni


Finalmente Brexit: la vittoria di Johnson, le bufale dei media, le due lezioni che arrivano da Londra

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Dopo oltre quattro anni è finalmente Brexit. Contro ogni pronostico, contro ogni rivelazione più o meno falsa dei media mainstream, e contro la propaganda di Bruxelles, il Regno Unito ha tenuto testa a 27 nazioni e alla macchina politico-amministrativa dell’Ue, portando a casa un accordo sul modello canadese che era quello che all’inizio entrambe le…

No deal vicino: per Johnson meglio di un bad deal, per Bruxelles il fallimento della linea punitiva

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

“Il no deal è molto, molto, molto vicino”. Così ha risposto ai cronisti il premier britannico Boris Johnson dopo l’ultimo stallo delle trattative sull’accordo commerciale tra Londra e Bruxelles. Anche il ministro degli esteri, Raab, gli ha fatto eco, dicendo che le “speranze di un accordo sono molto limitate”. Eppure, in settimana, le speranze che…

L’uscita di scena di Cummings: resa dei conti interna ai Tories mentre BoJo rifà il look alla comunicazione

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Così, alla fine, Dominic Cummings ha lasciato Downing Street. Il consigliere capo di Boris Johnson ha seguito il collega capo della comunicazione Lee Cain e ha abbandonato il governo con effetto immediato senza attendere la fine dell’anno come si è lasciato credere da più parti. Le immagini del Rasputin di BoJo che lasciava il suo…

Brexit e Cina: cosa succederà alla Special Relationship Usa-Uk dopo il voto del 3 novembre

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

L’elezione del nuovo presidente degli Stati Uniti interessa tutto il mondo, e, in particolare, l’alleato storico degli americani, il Regno Unito. L’ex capo della pubblica amministra britannica, il dimissionario Mark Sedwill, ha definito in un’intervista alla Bbc “stabile” il legame tra Usa e UK durante la presidenza di Donald Trump. Certo, The Donald è stato…

Parla Johnson: una “Nuova Gerusalemme” nel Regno Unito. Ma i privati, non lo Stato, guideranno la ripresa

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

Alla fine del suo discorso al congresso dei Tories, il premier Boris Johnson non ha ricevuto la solita standing ovation dedicata ai leader del partito. Ma solo perché il suo intervento era dal vivo ma online, dato che quest’anno i Conservatori – al pari degli altri partiti – hanno stabilito di fare la loro conference…

Kissinger e Baker III: due nuovi libri fanno luce sui giganti della diplomazia Usa

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Libri, Quotidiano, Recensioni, del

James Baker III e Henry Kissinger sono stati dei giganti della diplomazia americana che hanno vissuto in prima persona – e spesso deciso – gli eventi più significativi del Novecento. Per molti anni la letteratura sul loro conto ne ha magnificato risultati e influenza nel Partito Repubblicano e non solo. Ora però due nuovi volumi…

Il taglio dei parlamentari suggella un trentennio di antipolitica: il seme dell’autodistruzione gettato anni fa

Avatar di Daniele Meloni, in Politica, Quotidiano, del

Il seme dell’autodistruzione del sistema politico italiano è stato gettato da anni e ha trovato terreno fertile non solo nel “popolo ignorante”, ma anche in giornali, tv, aule giudiziarie, grand commis dello Stato e grandi famiglie dell’imprenditoria italiana, e nei politici stessi. L’establishment ha sapientemente alimentato questo clima dove la mob rule si è sostituita…

Non solo Trump, la Lega candida anche Netanyahu al Nobel per la pace

Avatar di Daniele Meloni, in Esteri, Quotidiano, del

La Lega candida il primo ministro israeliano Benjamin Netanyahu come Premio Nobel per la Pace. Dopo la candidatura del presidente degli Stati Uniti Donald Trump, per mezzo di un parlamentare norvegese, questa volta è stato il deputato Paolo Grimoldi, capo della delegazione italiana all’OSCE, a spingere perché il riconoscimento sia assegnato al leader del Likud,…

Cultora © 2021, Tutti i diritti riservati | Historica di Francesco Giubilei - Via P.V. da Sarsina, 320 - Cesena (FC) - P.I. 04217570409
Privacy Policy